La pandemia sta accelerando l’uso delle crittocittà per riciclare il denaro, dice, funzionari

Le organizzazioni criminali messicane e colombiane stanno aumentando l’uso della moneta virtuale, che le autorità si aspettano „solo in futuro“.

Bitcoin ha portato ancora una volta alla cattura di un criminale, un sospetto trafficante di esseri umani, Ignacio Santoyo, nell’aprile 2019 nella località caraibica di Playa del Carmen.

I funzionari della polizia messicana hanno detto che l’atto di prostituzione che si estendeva in tutta l’America Latina non è stato arrestato dalle 2.000 donne che Satoyo avrebbe ricattato e sfruttato sessualmente, ma dalla cripto-moneta che è sospettato di usare per riciclare i proventi delle sue operazioni.

„C’è un passaggio a commettere crimini nel cyberspazio, come l’acquisizione di criptovalute per riciclare il denaro… e la pandemia lo sta accelerando“, ha detto Santiago Nieto, capo dell’unità di intelligence finanziaria (UIF) del ministero delle Finanze messicano.

Insieme al Brasile, il Messico è le uniche due nazioni dell’America Latina che hanno promulgato una legislazione per tracciare l’uso del Bitcoin e di altre crittografie. Secondo la legge approvata nel 2018, tutte le piattaforme di trading di cripto-valuta registrate sono tenute a segnalare i trasferimenti superiori a 56.000 pesos (2.830 dollari).

Secondo le autorità statunitensi e messicane, l’uso di Bitcoin per riciclare il denaro sporco ha visto un particolare aumento tra le bande della droga. Tuttavia, la somma coinvolta in questi pochi casi scoperti è stata di sole migliaia o decine di migliaia di dollari rispetto al riciclaggio di denaro contante, che si stima sia di 25 miliardi di dollari all’anno solo in Messico.

Negli ultimi tre anni, tuttavia, le tre bande colombiane della droga sono state sorprese a riciclare milioni di dollari attraverso le valute criptate.

Il capo della UIF Nieto ha detto che i criminali stanno dividendo il loro denaro illecito in piccole quantità e comprando bitcoin da loro online.

Santoyo è stato catturato dopo aver comprato abbastanza BTC da far scattare un allarme secondo la legge. Lui e sua sorella hanno acquistato circa 441.000 pesos (22.260 dollari) in Bitcoin su Bitso cripto-scambio tra maggio e novembre 2018.

La nuova legge ha portato a 1.033 allarmi di soglia Bitcoin da attivare finora quest’anno per verificare se si collega a un utente coinvolto in un comportamento criminale.

Secondo Reuters, circa il 98% di tutte le transazioni del Messico al di sopra della soglia di 56.000 peso nel 2020 sono state segnalate da una sola piattaforma cripto registrata.

„Sia i TCO messicani che quelli colombiani stanno aumentando il loro uso di valuta virtuale a causa dell’anonimato e della velocità delle transazioni“, ha detto il portavoce della DEA statunitense Michael Miller. „Si ritiene che l’uso della moneta virtuale non farà che aumentare in futuro“.

Related Post